Segni di Langa: Langhe Doc Pinot Nero 2012 - Il VINerdì di Garantito IGP

di Stefano Tesi


Se il produttore/enologo, Gianluca Colombo, ha vinto il premio Gambelli 2014, un motivo ci sarà. E’ lo stesso per il quale questo vino ci piace: un Pinot Nero con una personalità sua, piemontese, ma fragrante, sobrio, verace. Buono senza fronzoli. Nove mesi di vecchie barrique. Spero di averne ancora in cantina.


Trattoria Calino a Scandicci: se ami il pesce gioca a bocce - Garantito IGP

Di Stefano Tesi

Lo ammetto: quando chi me l’ha presentato mi ha detto che il suo ristorante era “alla bocciofila di Scandicci”, popoloso comune alle porte di Firenze urbanisticamente ormai integrato (nonchè collegato dalla celebre tramvia) col capoluogo regionale, ho pensato che fosse uno scherzo. 
La mia diffidenza è cresciuta quando, poi, mi hanno specificato che la sua specialità erano i piatti di pesce. 
Ma poiché il comune amico era degno di fede e la nuova conoscenza mi pareva simpatica, ho deciso di approfondire la questione. 


Come? Andando a provare. 

Risultato: era tutto vero.
  
Lui si chiama Tommaso Cintolesi e, come tanti chef, ha avuto una vita da romanzo (ma nel suo caso, forse, anche di più: fatevi raccontare, tra una portata e l’altra, le rocambolesche esperienze in Russia, ad esempio). Il ristorante è veramente all’interno della società bocciofila di Scandicci e si chiama, per l’appunto, “Calino”, che ho scoperto essere un importante colpo del gioco delle bocce. 
Il locale è semplice, carino e luminoso, con una parete tutta vetro, una grande lavagna col menu, apparecchiatura spartana (ma bicchieri giusti) e una trentina di coperti. E dove ti aspetti di trovare tutto, vista la location, tranne grandi piatti di pesce. Anche perché il nostro ha pensato bene di mettere bene in vista, fuori, il cartello “pizzeria”. Sebbene di pizza ne faccia poca (ma buona!) o punta, e perfino di malavoglia, a chi gliela chiede.


Lui infatti in testa ha solo il pesce. 

Che è davvero ottimo e pure cucinato fuori dalle righe.

Lavorato con maestria e inventiva, crudo o a basse cotture, abbinato creativamente, sperimentato, rivisitato di continuo da un Tommaso che praticamente non smette mai di cucinare e di fare prove. Ci sono stato a cena un paio di volte con degli amici e, su una dozzina di portate, una buona metà si sono rivelate pietanze studiate apposta per l’occasione o novità assolute. 
Più che cuoco, non a caso, lui si definisce infatti artigiano. E un po’ lo è. Mette insieme le cose nel nome del pesce. Scova i più strani e li sposa, ripesca e rielabora vecchie ricette, accozza ingredienti che non diresti mai.
  
Ecco, ad esempio, quello che ho assaggiato nel corso delle due serate passate lì. 

Tajarin (secondo la ricetta classica piemontese con 50 rossi d'uovo) conditi con burro, salvia e pesce castagna; percebes della Galizia; tartara di pesce castagna con Cecina de Leon (la bresaola spagnola, leggermente affumicata) condita con olio, sale, mandorle e fagiolini (in alternativa, con leche de tigre, la base del ceviche peruviano); pane burro e acciuga (“ma lavorata in casa: rappresenta la trasversalità dei miei menu”, dice lui); tartara di gambero rosso carabiniere servito con un’emulsione degli umori della testa e uova di aringhe affumicate; sfoja lorda, specialità romagnola (la servono di norma farcita di squacquerone) trasformata in piatto di pesce con un ripieno di ricotta di pecora e pesce sciabola, in ragù di calamari alla salvia; foie gras mi cuit (“fatto in casa da me”, assicura) servito con sale Maldon; zuppetta di pesce fatta con i cascami di pesce arrostiti e servita con i tajarin spezzati; crostoncino di carpaccio di tonno caldo e foie gras mi cuit; insalata scomposta di tonno sott'olio fatto in casa in tre tagli diversi (testa, ventresca e filetto) e patate al pesto di menta, fagioli borlotti sgranati, cipolle di Tropea; fritto di acciughe, gamberetti rossi e patate biscotto.
  

Scegliendone la metà si spendono, tutto compreso, 50 euro e si esce non solo satolli, ma gastronomicamente assai soddisfatti.


Quanto ai vini, la carta non c’è. In compenso c’è lo scaffale: ti alzi e li scegli. Sono una ventina di etichette che il Cintolesi seleziona di persona tra quelle che gli piacciono, senza star troppo dietro a nomi e mode. Tutte un po’ strambe, fuori passo, rare o inusuali, dal Feldmarschall di Tiefenbrunner al millesimato di Pedrotti, dal Soave di Bertani al Vermentino di Colli di Luni di Terenzuola, dalla Vitovska di Zidarich allo spumante di Nosiola di Bortolotti.

Per motivi a me incomprensibili, Tommaso-Calino ha paura però che il contesto bocciofilo non giovi al prestigio del locale e vagheggia traslochi. Secondo me, sbaglia. Non tanto perché, almeno in inglese, “bowl” vuol dire tanto boccia quanto acquario per i pesci, ma perché un’originalità di situazione come questa è di quelle da cercare col lanternino.
  
Speriamo lo capisca in tempo. 
  
Trattoria Calino, 
via di Scandicci Alto 1, 
Scandicci (FI) 
Tel 347 9046788 
Chiuso lunedì. 

TTIP e Vino: l'allarme della Coldiretti. Vogliamo un falso Chianti o un Marsala made in USA?


​Il TTIP, il trattato transatlantico deve assicurare la tutela dei vini italiani rispetto a un fenomeno, quello del falso Made in Italy a tavola, assai diffuso sul mercato Usa dove ha superato il valore di 20 miliardi di euro. A sottolinearlo è la Coldiretti nell’esprimere preoccupazione per le notizie sull’andamento delle trattative tra Usa e Ue secondo le quali gli americani hanno ribadito la loro intenzione di continuare ad usare le denominazioni "semigeneriche" dei vini europei, come gli italiani Chianti, Marsala, il greco Retzina, il portoghese Madeira e i francesi Chablis e Champagne.

Foto:http://www.finanzaonline.com/


Il risultato – denuncia la Coldiretti – è che oggi il Chianti si produce in California, mentre sempre negli States è possibile acquistare del Marsala Wine. Ma il fenomeno del falso vino “Made in Italy” trova un forte impulso anche dalle opportunità di vendita attraverso la rete dove è possibile acquistare pseudo vino ottenuto da polveri miracolose contenute in wine-kit che promettono in pochi giorni di ottenere le etichette piu’ prestigiose come Chianti, Valpolicella, Frascati, Primitivo, Gewurztraminer, Barolo, Verdicchio, Lambrusco o Montepulciano.
Il Made in Italy tarocco a stelle e strisce non riguarda però – ricorda la Coldiretti - il solo vino ma colpisce tutti i comparti dell’export tricolore, dai pomodori san Marzano all’olio d’oliva fino ai salumi, mentre addirittura il 99 per cento dei formaggi di tipo italiano negli States è fasullo nonostante il nome richiami esplicitamente le specialità casearie piu’ note del Belpaese, dalla Mozzarella alla Ricotta, dal Provolone all’Asiago, dal Pecorino Romano al Grana Padano, fino al Gorgonzola.
La presunzione statunitense di continuare a chiamare con lo stesso nome alimenti del tutto diversi è inaccettabile - sostiene la Coldiretti - perché si tratta di una concorrenza sleale che danneggia i produttori e inganna i consumatori e l’Unione Europea ha il dovere di difendere prodotti che sono l’espressione di una identità territoriale non riproducibile altrove realizzati sulla base di specifici disciplinari di produzione sotto un rigido sistema di controllo. 
“La trattativa sull'accordo di libero scambio tra Unione Europea e Stati Uniti, Tansatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) deve rappresentare un appuntamento determinante per tutelare le produzioni agroalimentari italiane dalla contraffazione alimentare e del cosiddetto fenomeno dell’Italian sounding” spiega il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo nel ricordare che "in gioco c’è un consistente interscambio economico visto che per la prima volta le esportazioni agroalimentari Made in Italy in Usa hanno superato nel 2015 i 3,6 miliardi di euro con un aumento del 20 per cento. E proprio il vino è il prodotto italiano piu’ apprezzato dagli americani con 1,3 miliardi”.
Ma sul tavolo del TTIP ci sono anche altri argomenti “scottanti” su cui l’Europa non deve abbassare la guardia – condlude la Coldiretti – dalla carne agli ormoni al pollo alla varechina che rischiano di finire nel piatto dei cittadini italiani ed europei, fino alla questione degli Ogm.

Fonte: Coldiretti

Liberté, Égalité, Aligotè: Domaine Naudin-Ferrand - Le Clou 34

Un mio amico spesso mi dice:"E basta con sto fighettismo!! Basta con sta Borgogna solo per ricchi che comprano etichette senza capire una mazza di vino!"

Beh, questa persona ha solo in parte ragione perché se è vero che i prezzi di molti Premier Cru e Grand Cru hanno raggiunto cifre da capogiro, è anche vero che in questo angolo di Francia esistono tante perle nascoste al di fuori delle solite rotte commerciali che fanno riferimento ai classici e blasonati comuni della Côte d'Or (Gevrey-Chambertin, Vosne-Romanée, Chassagne-Montrachet, etc..).

Aligotè - Foto:www.gachot-monot.com

Avete, per esempio, mai pensato che in Borgogna, oltre ad un ottimo chardonnay, si possa produrre un delizioso Aligotè? Se la risposta è negativa allora bisogna recuperare il tempo perduto. 
Cominciamo da un presupposto: da sempre l'aligotè, più o meno a ragione, è stato considerato un vitigno "minore" in Borgogna vista la sua minore produttività rispetto allo chardonnay che, tra l'altro, essendo meno esile, regge molto di più l'affinamento in barrique. Conseguentemente sto povero vitigno, a cui nel 1937 è stata riservata una anonima Bourgogne Aligoté AOC,  si trova spesso ad essere piantato nelle zone meno vocate della Borgogna e il vino che se ne ricava, storicamente, viene usato per dar vita ad uno dei più popolari aperitivi francesi ovvero il Kir che non è altro che una bevanda a base di aligotè e crème de cassis..

Foto: bolop.over-blog.com

Tra i tanti vigneronnes borgognoni che credono che l'aligotè non sia solo un vino da taglio usato per cocktail o per produrre Crémant de Bourgogne c'è Claire Naudin (Domaine Naudin-Ferrand) da Magny Les Villers (Hautes-Cotes de Nuits) che dopo un passato di ricerca e sperimentazione, da tempo ha sposato un approccio, sia in vigna che in cantina, fedele alla tradizione e alla naturalità.

Claire Naudin

Degli otto vini bianchi prodotti la metà sono a base aligotè e, tra i vari, ho scelto di parlare del Bourgogne Aligoté "Le Clou 34", un vino che storicamente è sempre stato un punto di riferimento per questa tipologia visto che proviene da due parcelle separate molto vecchie di cui una piantata nel 1934 presso il comune di Corgoloin (classificazione Côte de Nuits Villages) mentre l'altra, risalente al 1902, si trova a Magny les Villers. 




Ragazzi parliamo di vitigni, piantati su suolo argilloso-calcareo, con quasi 100 anni di media!!

Le uve, raccolte manualmente, vengono vinificate con l'ausilio di lieviti indigeni (o come si vuole chiamarli) e con pochissima solforosa aggiunta. Dopo una lunga permanenza sulle fecce il vino viene imbottigliato senza filtrazione.


foto: www.vins-etonnants.com

Del "Le Clou 34" ho degustato l'annata 2014 che ho trovato semplicemente travolgente per verticalità e sapidità, che in questo caso si avvicina al concetto di salinità, che rappresenta degnamente la spina dorsale di questo vino la cui forza gustativa viene corroborata da un gradevole e rinfrescante sentore di agrumi. 

Il Bourgogne Aligoté, come in questo caso, è un vino puro, vivace, che non ha bisogno di legno, anche perchè non si sopportano, per autodefinirsi complesso ed intrigante. I

n Italia costa circa 18 euro, un rapporto q/p davvero interessante se pensate che dietro di sé porta tutta la storia della Borgogna che fu e che, forse, non troveremo più. Pure la rima, tiè!

Santari 2009 Fiano di Avellino DOCG Filadoro - Il VINerdì di Garantito IGP


Acciaio o legno? Questo il dilemma, ma neanche tanto se si riuscirà a capire bene come usare il Fiano di Avellino. Il bianco irpino che ama lo scorrere del tempo perché migliora. Come questo Santari 2009 di Filadoro passato in legno, vigne a Lapio. Frutta, sapidità, lunghezza e tanta, tanta, tanta frreschezza.

www.filadoro.it


Fiano 2008 Sannio Doc Fattoria La Rivolta - Garantito igp

Tanti vini resistono al tempo, ma, come si sa, pochi migliorano. Tra questi il Fiano e gli ultimi studi scientifici dell’equipe coordinata da Luigi Moio è giunta alla conclusione che si tratta di un vitigno capace di sviluppare sentori sempre più interessanti.
Il punto vero è che sinora nessuno ha ragionato davvero per fare dei Fiano sui tempi lunghi, anzi, la stragrande maggioranza delle etichette è stata pensata per essere consumata nell’arco di un anno. In Irpinia una pattuglia di produttori sempre più robusta ha avviato un discorso di attesa di almeno un anno, Marsella arriva a due, anche se le pressioni del mercato per il consumo sono incredibili.


Prove sempre più inconfutabili dimostrano invece che un progetto di lungo termine potrebbe dare luogo a risultati straordinari. Ci spostiamo di una trentina di chilometri, di questo si tratta, dall’areale docg del Fiano alla Sannio doc del Taburno dove i bianchi in più di una occasione hanno dato prova di longevità, dalla Falanghina di LiberoRillo ai vini di Ocone dimenticati in cantina e ripescati per puro caso.

Lo stesso avviene con questo Fiano di Fattoria La Rivolta di Paolo Cotroneo di cui abbiamo sempre molto amato i suoi bianchi, sia quelli che hanno la mano di Angelo Pizzi, che quelli di Vincenzo Mercurio che gli è subentrato. La potenza di questo areale, il Taburno è un complesso che separa la valle Caudina da quella Telesina, è nel suolo vulcanico e nelle forti escursioni termiche molto simili all’Irpinia anche se  si tratta di una zona meno umida e più calda. Rispetto alle altre zone del Sannio ha visto specializzarsi prima in Aglianico e Falanghina togliendo altri vitigni nazionali come il trebbiano, il Montepulciano e il sangiovese. Ma anche Fiano, Greco e Coda di Volpe sono abbastanza diffusi. Fu anzi proprio la cantina del Taburno a rilanciarli sul mercato ormai un quarto di secolo fa.

Dalla cantina prendiamo la 2008 di questo Fiano con la certezza che ci paicerà. Ma non potevamo immaginare tanto. La materia è molto piena, un vino quasi cicciotto, molto più vicino a Lapio che a Montefredane per intenderci, ma alcungata dalla sapidià e dai toni amari. Stupisce di questo bianco lavorato solo in acciaio la freschezza assoluta e il tempo segnato dal un colore giallo paglierino carico ancora vino e brillante.
Non ci sono toni piacioni. L’ennesima prova, insomma della longevità dei bianchi campani e di una potenzialità ancora inespressa.
Sede a Torrecuso, Contrada Rivolta
Tel. 0824.872921 www.fattorialarivolta.it Ettari: 29 di proprietà Bottiglie prodotte: 150.000
Enologo: Vincenzo Mercurio
Prezzo: sotto i 10 euro. Vitigni: aglianico, fiano, greco, falanghina



Il maltempo distrugge parte dei vigneti in Abruzzo e in altre zone vitivinicole d'Europa

Non ci vuole una laurea in agronomia per capire che il maltempo di questi giorni, soprattutto le gelate fuori stagione, abbia provocato serie danni all'agricoltura italiana, viticoltura in primis. In Abruzzo, soprattutto, nella Valle Peligna, ci sono stati forti danni dovuti alle temperature rigide e alla neve che ha messo in ginocchio molti agricoltori che hanno subito ingenti danni alle colture. 

Foto: Rete Abruzzo

A lanciare un appello per superare questa crisi è stata, come riporta il portale Rete AbruzzoAlice Pietrantonji, che ha spiegato che nonostante il danneggiamento causato da una gelata “che verrà ricordata come la più forte in vent’anni”, la pianta della vite è comunque molto reattiva, quindi è possibile sperare in una ripresa.  Con una lettera inviata alla Regione, nello specifico alla Direzione delle Politiche Agricole e all’assessore al ramo, Dino Pepe, il sindaco di Pratola Peligna Antonio De Crescentiis ha chiesto il riconoscimento dei danni alle aziende ed agli operatori del settore agricolo. “Una situazione che ci ha spinto a chiedere subito alla Regione di attivare tutte le procedure utili al riconoscimento dei danni ed al conseguente ristoro degli stessi in favore delle numerose attività coinvolte” ha affermato De Crescentiis “Abbiamo ritenuto necessario farci portavoce delle esigenze di questo importante settore ed auspichiamo una pronta collaborazione della Regione per consentire ai tanti operatori impegnati nel comparto agricolo di ottenere al più presto quanto dovuto”.

Ma l'Abruzzo, ovviamente, non è la sola Regione colpita dal maltempo. Girando per Facebook, infatti, molti amici vignaioli stanno lanciando un grido di allarme pubblicndo foto abbastanza significative dei danni. 

Eugenio Rosi, viticoltore artigiano di Rovereto,  ad esempio ha pubblicato queste foto con il seguente commento:"Stagione iniziata alla grande....prima notte di gelo e già si contano i danni. Purtroppo sono previste altre gelate nei prossimi giorni....."


Paolo Cianferoni, da Radda in Chianti, ha fortunatamente scritto che:"Abbiamo sfiorato gravi conseguenze questa mattina alle 6:00: 1,6 gradi; se andava sotto 0 la produzione vinicola 2016 era compromessa. Guardando il lato positivo, la peronospora con queste temperature non puó "lavorare", con buona pace per molti agronomi che hanno fatto fare già i trattamenti... Giusto per non rischiare. Mai. Loro"

Paolo Cianferoni
In realtà questa forte ondata di maltempo e freddo fuori stagione sta colpendo un po' tutta l'Europa e lo sanno bene anche in Francia per combattere le gelate notturne alcuni vignaioli sono corsi ai ripari accendendo fuochi nei vigneti al fine di evitare che la temperatura vada sotto lo zero.


Spero sia l'ultimo post in tal senso per questo 2016 anche se, da più parti, sento che probabilmente la situazione rischia di peggiorare visto che è previsto maltempo fino al primo maggio. Incrociamo le dita..