Il mio Terroir Marche 2017

Terroir Marche Festival, l’evento dedicato ai vini biologici ideato e promosso dal Consorzio Terroir Marche, è giunto alla sua terza edizione che è andata in scena nei giorni di sabato 20 e domenica 21 maggio nel centro storico di Macerata portando in degustazione, nelle suggestive sale degli Antichi Forni e all'interno del Teatro della Società Filarmonico Drammatico, oltre 150 vini di 21 vignaioli provenienti non solo dalle Marche ma anche dalla Mosella e dalla Francia del Sud (associazione “Artisans-Vignerons de Bourgogne du sud”).


Ma chi sono e quali sono gli obiettivi dei vignaioli di Terroir Marche e, soprattutto, quali sono i migliori vini degustati a Macerata?

Scopritelo su Vinix  cliccando questo link

Da Romeo Chef & Baker per l'asta di vini per beneficenza per AMAL for Education


Per ora in asta ci saranno:

Brunello di Montalcino DOCG "Il Poggione", 2009
Nero di Troia "Puer Apuliae" Rivera, 2000
Salento IGT "Le Ricordanze" vendemmia tardiva (0, 5 l), 2000
Colli Tortonesi DOC "Bigolla" Vigneti Massa, 2000
Terre del Volturno IGT Centomoggia Terre del Principe Casavecchia, 2003
Penedès "Mediterraneam Tinto" René Barbier, NM
Salento IGT "Nauna" Primitivo e Negramaro Schola Sarmenti, 2014
Riesling Spätlese "Urglück" Ürziger Würzgarten Merkelbach, 2012
Taurasi DOCG Perillo Riserva, 2006
Bianco Salento IGT "Edda" Cantine San Marzano, 2015
Rioja Reserva Herenza (magnum), 2009
Fontarca Toscana IGT Tenimenti D'Alessandro (magnum), 2007
Chablis Premier Cru AOC Vaucoupin, 1996
Chablis Premier Cru AOC Vaucoupin, 1996
Grand Champagne Napoléon Prieur Vertus, NM
Grand Champagne Napoléon Prieur Vertus, NM
Aglianico del Vulture DOC "Titolo" Elena Fucci (magnum), 2006
Chianti Rùfina DOCG "Nipozzano" Riserva Frescobaldi (magnum), 2013
Barolo DOCG "Prapò" Schiavenza, 2012
Lake Erie North Shore Canada VQA Icewine "Prism" Vidal (0, 2 l) , 2013
Costa d'Amalfi DOC "Ravello" Riserva Marisa Cuomo, 2002
Valtellina Superiore DOCG Sassella "Le Tense" Nino Negri, 2010
Marche Rosso IGT "Rossobordò" Walter Mattoni, 2012
Meursault Perrières 1er Cru AOC Albert Grimaud, 2009
Bolgheri Superiore DOC "Ornellaia", 2003
Riesling Spätlese Grünlack Schloss Johannisberg, 2013
Roccamonfina IGT "Terra di Lavoro" 2002, 2002
Vigneti delle Dolomiti IGT "San Leonardo", 2007
Pommard "La Chanière" Maréchal, 2005
Merlot di Toscana IGT "La Ricolma" San Giusto a Rentennano, 2004
Rosso del Salento VdT "Patriglione", 1994
Olevano Romano DOC Cesanese "Cirsium" Damiano Ciolli, 2003
Olevano Romano DOC Cesanese "Cirsium" Damiano Ciolli, 2005
Olevano Romano DOC Cesanese Riserva "Cirsium" Damiano Ciolli, 2010
Olevano Romano DOC Cesanese Riserva "Cirsium" Damiano Ciolli, 2013
"Ciàtu" di Marilena Barbera (doppia magnum), NM
Merlot Venezia Giulia IGT "Focus" Volpe Pasini, 2004
Rosso di Montespada VdT Agricola Montespada, NM
Sauternes AOP Calvet, 2010
Bolgheri DOC "Campo al Mare" Tenute Folonari, 2011
Corton Charlemagne Grand Cru Bonneau du Martray, 2006
Brunello di Montalcino DOCG Riserva "Poggio al Vento" Tenuta Col D'Orcia, 1998
Toscana IGT "Fontalloro" Fattoria di Felsina, 1998
Penfolds Grange , 1994
Fiano di Avellino DOC "Rocca del Principe" (magnum), 2013
Trebbiano d'Abruzzo DOC Valentini, 2007
Brunello di Montalcino DOCG Riserva "Le Presi", 2004
Chianti Classico DOCG Riserva Fontodi "Vigna del Sorbo", 2007
Sanennières Roche aux Moines AOC Domaine aux Moines, 2013
Barbaresco DOCG Riserva "Bricco" Dante Rivetti, 1999
Riesling Kabinett trocken Maximin Grünhäuser Abtsberg, 2008
Chateau Musar, 2004
Boca DOC "Le Piane", 2007
Olio Extra Vergine di Oliva Valentini, 
"Grappa della Donna Salvatica che scavalica le colline" da vinacce di Nebbiolo, distilleria Levi Serafino, 
Trebbiano d'Abruzzo DOC Valentini, 2011
Trebbiano d'Abruzzo DOC Valentini, 2011
Rosso del Veronese IGT "Osar" Masi, 1996
Bolgheri DOC "Sassicaia", 1997
Chateauneuf du Pape Chateau de Beaucastel, 1995
Recioto della Valpolicella DOC Romano Dal Forno (0, 5 l), 1997
Colli di Salerno IGT Montevetrano, 2007

E' l'Aglianico del Vulture "Basilisco" 2008 il Vino della settimana di Garantito IGP

Di Luciano Pignataro
L'Aglianico del Vulture mi piace perché mi regala la sensazione dello spazio, mi affascina con i castelli di Melfi e Lagopesole. 
Ritmi lenti, dunque moderni, come la freschezza sapida di questa bottiglia, giovane ed energica, bevuta con la persona giusta.
www.basiliscovini.it

Napoli Wine Challenge, chi sono i vincitori - Garantito IGP

di Luciano Pignataro

Stavolta parliamo di un concorso. Quello organizzato a Vitigno Italia, la manifestazione giunta alla sua tredicesima edizione, che quest'anno ha cambiato pelle cercando di assumere una fisionomia più sintetica e precisa. Prima una verifica tra circa 700 campioni presentati da cui sono state tirate fuori una cinquantina di etichette che sono state giudicate da un'altra commissione, stavolta presieduta da Daniele Cernilli.

Un vincitore assoluto per ogni categoria. Ecco la lista:

Per gli spumanti ha vinto a sorpresa una bollicina da Caprettone, vitigno tipico vesuviano su cui stanno lavorando con passione alcune aziende. Tra queste Casa Setaro, piccola cantina a Trecase, vigne piantate sul nero suolo sabbioso del vulcano. Una vino fresco e piacevole, sapido e con un perlage molto fine.

Per i bianchi un ex aequo. Falanghina Benevento IGP 2016 di Castelle e il Campania Fiano IGP 2014 Oi Nì dell’azienda agricola Eduardo Scuotto. La prima è una storica cantina di Castelvenere nel Sannio, il paese più vitato della Campania, che si è imposta grazie ad una annata decisamente favorevole per i vitigni a bacca bianca della Campania. Fresco e sapido. Il Fiano dell'azienda di Laio è invece passato in legno ma alla fine c'è un buon equilibrio con il frutto. Lungo e destinato all'invecchiamento.

Tra i rosati netta affermazione di Piedirosè, Pompeiano Rosato IGP 2016 della cantina Iovine. Si tratta di una azienda di Pimonte, specializzata nel Gragnano, che ha sempre proposto vini di buona beva. Il rosato, da uve Piedirosso, si è rivelato fresco, elegante, dalle buone note mediterraneee.


Durissima la lotta tra i rossi dove a spuntarla è stato il Taurasi 2008 di Calafè. Anche questa una azienda poco conosciuta, specializzata soprattutto per l'areale di Tufo. Ma in questo caso ha dimostrato di saper lavorare bene anche le vigne di Aglianico mantenendo la freschezza di una annata regolare, con un buon frutto croccante.

Ancora Falanghina, infine, ancora Castelle, con il passito dell'azienda di Castelvenere che ha vinto a mani basse in una finale giocata a tre.

Cinque vini, insomma. Cinque interpretazioni della viticoltura campana.

Il mondo del vino è davvero rosa?

Il mercato vinicolo presenta percentuali di “imprese rosa” - ovvero quelle aziende in cui il numero di soci ed esponenti donne attualmente in carica supera il 50% del totale - del 26,5%, non oltrepassando mai il 28% in nessuno dei quattro mini settori che compongono il comparto del vino. Se si confronta però con la  media italiana, la situazione  migliora perché la media del Paese si ferma al 22%. Un comparto con pochissime medie e grandi imprese e in cui il 93,6% delle aziende attive è una micro impresa. Le aziende vinicole si concentrano soprattutto in Veneto, Sicilia, Puglia e Piemonte, mentre la viticoltura è il mini settore che raggruppa la gran parte delle imprese del comparto. La viticoltura è anche il micro settore più orientato all’import/export e con il livello di rischio meno elevato, mentre il commercio al dettaglio di vino è quello a più alto rischio.

A diffondere i dati è lo studio delle performance delle imprese italiane attive nel mercato del vino, aggiornata a marzo 2017, realizzata da CRIBIS, la società del gruppo Crif specializzata nella business information, che ha analizzato le prestazioni delle circa 73.700 aziende operanti nel settore del vino.

La maggior parte delle imprese vinicole operanti nei quattro mini settori in cui si divide il comparto presenta percentuali di quote rosa che non superano il 28%. I settori più virtuosi da questo punto di vista sono la viticoltura, col 28% di risorse femminili in azienda, e il commercio al dettaglio, in cui quasi un lavoratore su quattro è donna (24,8%). Valori che scendono della metà negli altri due settori, il commercio all’ingrosso e la produzione di vino: qui le quote rose sono circa una su otto (rispettivamente il 12,5% e il 12,3%). 

Distribuzione per quote rosa – Mercato del Vino - Q1 2017

La maggior parte delle imprese vinicole operanti nei quattro mini settori in cui si divide il comparto presenta percentuali di quote rosa che non superano il 28%. I settori più virtuosi da questo punto di vista sono la viticoltura, col 28% di risorse femminili in azienda, e il commercio al dettaglio, in cui quasi un lavoratore su quattro è donna (24,8%). Valori che scendono della metà negli altri due settori, il commercio all’ingrosso e la produzione di vino: qui le quote rose sono circa una su otto (rispettivamente il 12,5% e il 12,3%).

Distribuzione per gruppo merceologico – Mercato del Vino – Q1 2017


Oltre due terzi delle aziende vinicole è localizzata nelle macro aree Sud e Isole (38,1%) e Nord Est (30,9%), con il Nord Ovest (18,4%) e il Centro (12,6%) a spartirsi la quota rimanente. A livello regionale, il Veneto è la regione con la maggiore presenza di aziende vinicole (15,4%), seguita da Sicilia, col 12,7%, Puglia, col 12,1%, e Piemonte, con l’11,6%. Per quanto riguarda il gruppo merceologico, invece, il mini settore della viticoltura fa la parte del leone, con l’84% di imprese vinicole attive, seguito dal commercio al dettaglio, col 7,2%, dal commercio all’ingrosso, col 5,9%, e dalla produzione di vino, col 2,9%.

Distribuzione aziende che fanno Import/Export Mercato del Vino

Quello del vino è senz’altro un settore orientato alle esportazioni, ma con alcune differenze fra i quattro micro settori. La maggior parte delle aziende che esportano si concentra nella viticoltura e nellala produzione di vino mostrano una maggiore vocazione all’import/export, con percentuali di aziende che si dedicano a queste attività pari rispettivamente al 43,8% e al 33,5%. Più ridotta la presenza di aziende esportatrici nel commercio all’ingrosso (18,8%) e minima nel commercio al dettaglio (3,9%).

Distribuzione per classi di rischio Mercato del Vino

La stessa spaccatura fra micro settori emerge anche considerando i dati sul livello di rischio d’impresa, che appare molto elevato nel commercio all’ingrosso, con il 70% delle imprese collocate nella classe di rischio medio-alto e il 14,9% nella classe di rischio alto, e nel commercio al dettaglio, con il 55,1% di rischio medio-alto e il 10,2% di rischio alto. Più contenuto, invece, il livello di rischio nel settore della produzione di vino, dove le imprese nella classe di rischio medio-alto sono il 41,3% e quelle nella classe di alto rischio sono il 13,9%, mentre la viticoltura si afferma come il settore più sicuro, con solo il 2,3% di rischio elevato e il 7,5% di rischio medio-alto.

Distribuzione per classe di anzianità aziendale Mercato del Vino

La maggior parte delle imprese vinicole è nata nel decennio 2001-2010. Ci sono alcune differenze di anzianità fra i quattro micro settori. Se le imprese attive nella produzione di vino sono quelle più anziane, con il 19% fondato prima del 1970, il 13,5% prima del 1980 e il 14,1% prima del 1990, la situazione si ribalta nel settore del commercio all’ingrosso, con il 24,1% delle aziende fondato nel decennio 2001-2010, il 15,3% negli anni 2011-2013 e ben il 28,9% dal 2014 in poi, e nel commercio al dettaglio, con il 32,5% fondato nel decennio 2001-2010, il 17,3% negli anni 2011-2013 e il 23,5% dal 2014 in avanti. Le imprese operanti nella viticoltura sono mediamente più giovani di quelle attive nella produzione di vino ma leggermente più anziane di quelle del commercio, dal momento che sono state fondate nella maggior parte dei casi negli anni ’90 (21,8%) e ’00 (29,7%).

Kollerhof - Vigneti delle Dolomiti IGT 2016 Cucol è il Vino della settimana di Garantito IGP

di Carlo Macchi

Un vino da vigna di tre anni, piantato ad Anterivo a quasi a mille metri, da vitigno PIWI, cioè resistente a oidio, peronospora, etc..


Una scommessa per la viticoltura del futuro, un grande vino oggi.

Naso esplosivo con fiori di sambuco, peperone, lavanda. Bocca fresca, sapida, lunghissima. Bottiglia finita in un amen.


info@kellerei-kollerhof.com

Dagli Oddero un libro per conoscere La Morra e la Langa - Garantito IGP

Di Carlo Macchi

Non sono un sostenitore di quelli che chiamo “autolibri”, cioè quelle pubblicazioni che ogni tanto i produttori autoproducono per dirsi quanto sono stati bravi, come sono bravi a fare vino, quanta storia hanno alle spalle etc. 


Per questo ho accettato quasi con titubanza il libro che gentilmente Cristina Oddero mi ha regalato durante la mia ultima visita in cantina. Di bello aveva le misure contenute e quindi il fatto che non fosse una semplice apologia fotografica, magari bella ma profondamente inutile.Curioso come sono l’ho aperto immediatamente e l’occhio mi è caduto su questa frase “A La Morra, negli anni del Risorgimento si costituì un gruppo di acquisto con altri comuni per ottenere prezzi più vantaggiosi dalle solfatare siciliane.” 


Quindi ero davanti ad un libro di storia, magari locale, ma sicuramente interessante. Quel discorso dello zolfo mi aveva incuriosito e così la sera l’ho aperto e me lo sono letto di un fiato. Il libro di per sé non è enorme e le molte foto d’epoca ne alleggeriscono la lettura: lettura comunque molto interessante perché coniuga la storia della famiglia Oddero con i fatti che hanno colpito o interessato il Piemonte e l’Italia, da praticamente l’inizio del XIX° secolo ai giorni nostri.Alcune pagine ti presentano una situazione contadina che fa riflettere, per esempio quando, sempre riferendosi al periodo rinascimentale , si fa notare che i contadini sparsi nelle varie borgate langarole vivevano costantemente nella paura “ 

Paura della natura per le grandinate terribili che in un attimo distruggevano il raccolto…paura dello Stato che oltre a non assistere i cittadini si faceva vino solo per le tasse e il precetto militare… e paura della Chiesa che alla domenica predicava solamente l’inferno e l’eterna pena e mai il paradiso e la gioia.” Come potete capire c’è di che riflettere su come siano cambiate le cose da allora e in questo libro lo si vede costeggiando la storia della famiglia. Famiglia composta anche da donne, silenziose ma di carattere, a cui viene dedicato un bellissimo capitolo. 


Una parte del libro è scritta dall'attuale patriarca degli Oddero, Giacomo e anche qui ho trovato un tema interessantissimo: di cosa poteva parlare un personaggio che è vissuto sempre nel mondo del vino? 

Naturalmente d’acqua. Giacomo Oddero dedica pagine molto interessanti a quella che lui chiama “la battaglia dell’acqua”. Chi frequenta oggi la Langa non immagina minimamente cosa era appena 50 anni fa: mancavano tante cose ma soprattutto mancava un acquedotto che portasse l’acqua in collina. “Non c’era acqua potabile…si raccoglieva così l’acqua piovana dai tetti, la si convogliava nei pozzi disinfettandola di tanto in tanto con un po’ di calce viva…”.Addirittura non avevano l’acqua per far lavare le mani al dottore dopo la visita, insomma era più facile offrire un bicchiere di vino che d’acqua. Questa situazione inizio a mutare solo nei primi anni Settanta del secolo scorso (sembra lontano ma non sono passati nemmeno 50 anni!) con il Consorzio Acquedotto delle Langhe e delle Alpi cuneesi di cui Giacomo è stato presidente per quasi 20 anni, ma ancora nel 1991 alcuni comuni di Langa non avevano un acquedotto! 


Questa storia dell’acqua che manca nella patria del vino mi ha appassionato, perché presenta in maniera chiara e netta le difficoltà che dovevano superare non molti anni fa i contadini per vivere in quella che adesso sembra un eden enoico. Tutto questo e molto altro (per esempio le belle foto d’epoca) lo potrete trovare in “Oddero, una storica cantina Italiana”, un libro che non si compra in libreria ma solo andando a degustare i buoni vini che Giacomo, Mariavittoria, Mariacristina, Isabella, Pietro e Giacomo giovane (per citare testualmente l’elenco dei familiari a fine libro) producono. Dopo tutto non mi sembra un gran sacrificio!

Oddero, Poderi e Cantine, Fraz. Santa Maria, 28 La Morra (CN). www.oddero.it ,info@oddero.it

Torna Terroir Marche Festival a Macerata dal 20 al 21 maggio 2017

Dopo il successo delle prime due edizioni del 2015 e del 2016, torna Terroir Marche Festival, in programma nei giorni 20 e 21 maggio 2017 a Macerata, organizzato dal Consorzio Terroir Marche in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Macerata e e con il patrocinio della Camera di Commercio di Macerata.


Nato come semplice appuntamento di promozione dei soci del Consorzio Terroir Marche, che riunisce 16 produttori vitivinicoli biologici della regione, già dalla seconda edizione l’evento si è aperto al gemellaggio tra il terroir marchigiano e un terroir europeo, invitando e ospitando per i giorni della fiera alcuni produttori biologici stranieri con i quali sviluppare un rapporto di conoscenza e collaborazione e di valorizzazione delle produzione territoriali di qualità. Così dopo la Mosella (Ecovin Mosel, Germania) già ospite lo scorso anno, ospiti d’onore dell’edizione 2017 saranno alcuni produttori francesi dell’associazione “Artisans-Vignerons de Bourgogne du sud” presenti ai banchi di assaggio e protagonisti del laboratorio di degustazione dedicato.
Ospitato in alcuni degli edifici più affascinanti del centro storico perfettamente conservato della città di Macerata, Terroir Marche Festival prevede spazi espositivi aperti al pubblico (sabato 20 e domenica 21 maggio dalle 11 alle 19), oltre che degustazioni guidate da importanti giornalisti italiani e stranieri su temi di grande interesse enologico – il Rosso Conero, i Verdicchi di Jesi e di Matelica, i Pecorini del Piceno, gli altri vini di zone minori, la Borgogna – e un interessante programma di eventi culturali collaterali di valorizzazione e promozione del territorio che coinvolgeranno cittadini e visitatori anche nei giorni precedenti l’evento principale, come la mostra fotografica “Le Marche di Dondero”, organizzata in collaborazione con la Fototeca di Altidona e la famiglia Dondero, unica raccolta di scatti marchigiani editi dopo la scomparsa del fotografo e che verrà esposta per tutta la durata del festival e come i concerti organizzati nei due giorni dal San Severino Blues Festival, che da decenni promuove la cultura musicale nel territorio marchigiano.  In degustazione ci saranno oltre 150 vini di tre terroir europei (Marche, Borgogna e Mosella). Il biglietto costa 12 euro. 
Sono previsti anche dei laboratori di degustazione (si può accedere solo su prenotazione,info@terroirmarche.it). 

Tra questi, segnaliamo "Il lato scuro dell'Adriatico - Degustazione guidata da Veronica Crecelius" (sabato 20 maggio, ore 11); 

"Il Pecorino in verticale - Degustazione guidata da Simon Woolf" (sabato 20 maggio, ore 15);

La luce e il colore delle Marche: dall'arte al vino andata e ritorno - Degustazione guidata da Armando Castagno e Monica Coluccia" (sabato 20 maggio, ore 17);

"La Borgogna del sud nei vini degli Artisans-Vignerons - Degustazione guidata da Giampaolo Gravina" (domenica 21 maggio, ore 11); 

"Castelli di Jesi e Matelica: territori da bere tutti i giorni - Degustazione guidata da Alessio Pietrobattista" (domenica 21 maggio, ore 15)

I soci attuali di TerroirMarche sono Aurora (Offida - Ascoli Piceno); Fiorano (Cossignano - Ascoli Piceno); La Distesa (Cupramontana - Ancona); La Marca di San Michele (Cupramontana - Ancona); Pievalta (Maiolati Spontini - Ancona): Paolini & Stanford Winery (Offida - Ascoli Piceno); Pantaleone (Ascoli Piceno); Vigneti Vallorani (Colli del Tronto - Ascoli Piceno); La Valle del Sole (Offida - Ascoli Piceno); Di Giulia (Cupramontana - Ancona); Liana Peruzzi (Monteroberto - Ancona); Col di Corte (Montecarotto - Ancona); Az. Antonio Failoni (Staffolo - Ancona); Az. Moroder (Conero - Ancona); Az. Malacari (Conero - Ancona); Az. Cavalieri (Matelica - Macerata).